Presentato il  "Rapporto Coop 2015"
Anteprima digitale sul nuovo sit
www.rapportocoop.it
 

Una ripresa lenta e anomala ma pur sempre ripresa. E un Paese che torna se non altro a camminare (per correre ci vorrà ancora tempo e il protrarsi di condizioni favorevoli). La recessione è finita, è costata lacrime e sangue alle famiglie italiane che hanno lasciato sul piatto dal 2007 a oggi 122 miliardi di euro (47 miliardi di minori risparmi e ben 75 miliardi di minori consumi). Ma più che la variazione seppur minima di segno positivo del Pil con cui si è aperto il 2015 (la crescita della nostra economia attesa per fine anno è di un +0,7%)  è il sentiment degli italiani a essere cambiato. La felicità è di casa nel Nord Europa tuttavia gli italiani, al pari di tedeschi e francesi e prima degli spagnoli (che peraltro hanno l'economia più in crescita), mostrano buoni livelli di soddisfazione per la propria qualità della vita e il 52% delle persone (era il 41% appena un anno fa) considera invariata o addirittura migliorata la propria situazione.   
 
 
 
 
Puoi anche consultare e leggere la versione integrale su 
- See more at: http://www.e-coop.it/web/guest/r/categoriespage/-/articlelistr/r_byartid/39429127/anteprima-digitale-del--rapporto-coop-2015-?title=Rapporto+Coop+2015#sthash.933XoB1x.dpuf

Presentato il  "Rapporto Coop 2015"
Anteprima digitale sul nuovo sit
www.rapportocoop.it
 

Una ripresa lenta e anomala ma pur sempre ripresa. E un Paese che torna se non altro a camminare (per correre ci vorrà ancora tempo e il protrarsi di condizioni favorevoli). La recessione è finita, è costata lacrime e sangue alle famiglie italiane che hanno lasciato sul piatto dal 2007 a oggi 122 miliardi di euro (47 miliardi di minori risparmi e ben 75 miliardi di minori consumi). Ma più che la variazione seppur minima di segno positivo del Pil con cui si è aperto il 2015 (la crescita della nostra economia attesa per fine anno è di un +0,7%)  è il sentiment degli italiani a essere cambiato. La felicità è di casa nel Nord Europa tuttavia gli italiani, al pari di tedeschi e francesi e prima degli spagnoli (che peraltro hanno l'economia più in crescita), mostrano buoni livelli di soddisfazione per la propria qualità della vita e il 52% delle persone (era il 41% appena un anno fa) considera invariata o addirittura migliorata la propria situazione.   
 
 
 
 
Puoi anche consultare e leggere la versione integrale su 
- See more at: http://www.e-coop.it/web/guest/r/categoriespage/-/articlelistr/r_byartid/39429127/anteprima-digitale-del--rapporto-coop-2015-?title=Rapporto+Coop+2015#sthash.933XoB1x.dpuf

Presentato il  "Rapporto Coop 2015"
Anteprima digitale sul nuovo sit
www.rapportocoop.it
 

Una ripresa lenta e anomala ma pur sempre ripresa. E un Paese che torna se non altro a camminare (per correre ci vorrà ancora tempo e il protrarsi di condizioni favorevoli). La recessione è finita, è costata lacrime e sangue alle famiglie italiane che hanno lasciato sul piatto dal 2007 a oggi 122 miliardi di euro (47 miliardi di minori risparmi e ben 75 miliardi di minori consumi). Ma più che la variazione seppur minima di segno positivo del Pil con cui si è aperto il 2015 (la crescita della nostra economia attesa per fine anno è di un +0,7%)  è il sentiment degli italiani a essere cambiato. La felicità è di casa nel Nord Europa tuttavia gli italiani, al pari di tedeschi e francesi e prima degli spagnoli (che peraltro hanno l'economia più in crescita), mostrano buoni livelli di soddisfazione per la propria qualità della vita e il 52% delle persone (era il 41% appena un anno fa) considera invariata o addirittura migliorata la propria situazione.   
 
 
 
 
Puoi anche consultare e leggere la versione integrale su 
- See more at: http://www.e-coop.it/web/guest/r/categoriespage/-/articlelistr/r_byartid/39429127/anteprima-digitale-del--rapporto-coop-2015-?title=Rapporto+Coop+2015#sthash.933XoB1x.dpuf
Una ripresa lenta e anomala ma pur sempre ripresa. E un Paese che torna se non altro a camminare (per correre ci vorrà ancora tempo e il protrarsi di condizioni favorevoli). La recessione è finita, è costata lacrime e sangue alle famiglie italiane che hanno lasciato sul piatto dal 2007 a oggi 122 miliardi di euro (47 miliardi di minori risparmi e ben 75 miliardi di minori consumi). Ma più che la variazione seppur minima di segno positivo del Pil con cui si è aperto il 2015 (la crescita della nostra economia attesa per fine anno è di un +0,7%)  è il sentiment degli italiani a essere cambiato. La felicità è di casa nel Nord Europa tuttavia gli italiani, al pari di tedeschi e francesi e prima degli spagnoli (che peraltro hanno l'economia più in crescita), mostrano buoni livelli di soddisfazione per la propria qualità della vita e il 52% delle persone (era il 41% appena un anno fa) considera invariata o addirittura migliorata la propria situazione.    - See more at: http://www.e-coop.it/web/guest/r/categoriespage/-/articlelistr/r_byartid/39429127/anteprima-digitale-del--rapporto-coop-2015-?title=Rapporto+Coop+2015#sthash.933XoB1x.dpuf

CLICCA QUI per l'articolo completo